Come guadagnare con il forex

Il mercato valutario è il più grande e più efficiente mercato al mondo, ecco perché guadagnare è così facile. Ma questo ormai lo sappiamo, visto che è un concetto che abbiamo approfondito giù su altre pagine del sito. Quello però che dobbiamo approfondire è come fare a guadagnare concretamente. Mi voglio mettere nell'ottica di chi, per la prima volta, si avvicina al trading online e probabilmente non conosce ancora a fondo i meccanismi che determinano l'andamento del mercato e i metodi che si utilizzano per guadagnare. In questo articolo cercherò di illustrare proprio quali sono i principi che fanno muovere i mercati, quali sono i modi per guadagnare e, infine, quali sono le tecniche che i principianti assoluti possono utilizzare per trarre comunque beneficio dai movimenti di mercato.

Financead

I movimenti del forex

Sappiamo già che il mercato forex è il mercato dove si negoziano tra di loro coppie di valute. Ogni istante il valore relativo di queste coppie cambia a seconda delle negoziazioni. In generale, se una valuta è richiesta dal mercato il suo prezzo aumenterà e, viceversa, se la richiesta è bassa il suo prezzo scenderà. In fondo è il meccanismo che tutti conosciamo alla base del funzionamento di tutti i mercati: l'unica differenza è che nel forex vengono scambiati soldi. Perché si muovono le valute? Perché variano le condizioni di mercato o macroeconomiche. Per fare solo un esempio concreto, se l'economia dello stato A va meglio di quella dallo stato B, i capitali preferiranno spostarsi nello stato A e quindi ne dovranno comprare la valuta, rafforzandola sul mercato. E tra l'altro proprio il fatto che la valuta si apprezza, attirerà altri capitali puramente speculativi che andranno a lucrare sul rafforzamento della valuta stessa. Inolte, se un Paese ha le finanze pubbliche ridotte male, con alto debito e rischio default, non sarà in grado di attirare investitori e dunque la sua valuta scenderà. Poi ci sono condizioni determinati dalle banche centrali: se una Banca Centrale alza il tasso di sconto, molti capitali saranno attirati dai maggiori investimenti e dalla migliore protezione dall'inflazione. Viceversa se il tasso di sconto scende, i capitali fuggiranno per i bassi rendimenti e per la certezza dell'inflazione. C'è poi il caso del dollaro, che è considerato il bene rifugio per eccellenza e si muove anche in rapporto all'andamento delle crisi finanziarie ed economiche. In pratica quando gli investitori sentono che c'è un pericolo nell'aria, preeferiscono investire negli USA, magari in titoli di stato, e dunque devono comprare dollari. E' opportuno ricordare, poi, che tutto il commercio internazionale delle materie prime e anche questo influenza pesantemente l'andamento del forex. Dunque possiamo riassumere i fattori che determinano i movimenti relativi delle valute tra di loro:

Andamento dell'economia reale:: più un'economia va bene, più si rafforza la sua valuta
Tasso ufficiale di sconto: più è alto il tasso di sconto, più si rafforza la valuta
Stato delle finanze pubbliche: se debito e deficit sono bassi, la valuta si rafforza
Riflessi del mercato delle materie prime: ci sono correlazioni tra il prezzo delle materie prime e il valore del dollaro
Movimenti speculativi: se gli investitori si aspettano che una valuta si rafforzerà la compreranno, facendone aumentare il valore e, viceversa, se pensano che il suo valore scenderà la venderanno, accelerandone la discesa.

Torna su

Come si fanno i profitti sul forex

Il mercato forex è dunque sempre in movimento, praticamente tutte le coppie di valute quotate cambiano di valore ogni minuto. I profitti si fanno quando si prevede con anticipo l'andamento di una coppia di valute e si compra la valuta che si apprezzerà e, contemporaneamente, si vende quella che si deprezzerà. Se il dollaro si rafforzerà e io lo compro, quando il suo valore aumenta anche io mio investimento sarà aumentato. E' un meccanismo piuttosto semplice, in fondo, ma bisogna saper prevedere l'andamento del mercato. Ebbene, ci sono due tecniche principali che consentono di farlo: l'analisi fondamentale e l'analisi tecnica. L'analisi fondamentale si basa sui punti che abbiamo enunciato nel paragrafo precedente: cerca di valutare la forza relativa delle economie, i principali dati macroeconomici, il sentiment generale per fare una previsione affidabile sul valore delle valute. L'analisi tecnica, invece, si basa su dati puramente matematici e cerca di estrapolare la previsione dall'osservazione dei grafici. Sappiamo infatti che il grafico rappresenta la funzione del valore della valuta rispetto al tempo. Dunque, osservando i valori che la funzione ha assunto nel passato (che sono noti e di solito messi in evidenza dal forex broker) possiamo prevedere con la necessaria accuratezza il prezzo che la valuta assumerà nel futuro. E' evidente che il modo consigliato di fare previsioni è combinare entrambe le tecniche, in modo da tener conto sia dei fattori fondamentali che di quelli, per così dire, tecnici.

Torna su

Come fanno i principianti a guadagnare

A questo punto abbiamo capito che per guadagnare nel forex dobbiamo fare delle previsioni, più o meno accurate, sull'andamento delle varie valute. I principianti, probabilmente, non sono in grado di farlo o almeno non con sufficiente precisione. Premesso che non è un'attività difficile come sembra e che anzi si impara rapidamente, esistono delle tecniche che possono consentire anche ai principianti del forex, fin dal primo giorno, di cominciare a guadagnare:
Segnali di trading: si tratta di indicazioni su come fare trading diffuse da esperti e che possono essere importate, in maniera automatica, all'interno della piattaforma forex.
Social trading: un'evoluzione del concetto di segnali. In questo caso è direttamente il forex broker a gestire il processo, rendendo il tutto ancora più semplice.
Forex robot: si tratta di programmi software che fanno trading al posto dell'utente utilizzando strategie codificate. E' evidente che non è detto che il guadagno sia assicurato, tutto dipende dalla bontà della strategia di trading implementata.

Torna su